Quatro ciacoe – Alla fiera dell’ipocrisia

SAN MARTINO DI LUPARI – ALLA FIERA DELL’IPOCRISIA – Quatro Ciacoe

Per prima cosa un sentito e doveroso ringraziamento a tutti quei concittadini che, dimostrando di non avere alcuna voglia di farsi prendere per i fondelli dai Renzi & soci di turno, hanno messo nell’urna di Domenica 4 dicembre una montagna di NO. Questo ci fa capire che c’è ancora speranza per le sorti del nostro comune e del nostro paese. Nel frattempo il teatrino della politica nazionale ha dato il peggio di sé mostrando il vero volto di una serie infinita di infimi personaggi: voltagabbana, bugiardi, traditori, caregari, arroganti, irresponsabili e chi più ne ha più ne metta.

Ma andiamo con ordine: il numero uno dei bugiardi, il re, tale Matteo Renzi ex presidente del consiglio che aveva detto in più occasioni che si sarebbe ritirato dalla scena politica in caso di vittoria del NO. Com’è che sei ancora sulla scena politica e anzi sei l’artefice del governo fantoccio.

E la tua degna compagna di malefatte tal Maria Elena Boschi, responsabile della riforma, non doveva fare la stessa cosa? Bisogna perdere un referendum e farsi bastonare dagli elettori per diventare sottosegretari alla presidenza del consiglio! Ditelo, basta saperlo. E il geniale ministro dell’interno Alfano, responsabile della sconsiderata gestione dell’immigrazione? Promosso a far danni al Ministero degli Esteri. E il geniale Padoan, quello che salva le banche degli amici coi soldi pubblici? Al suo posto ovviamente. In barba anche ai 120.000 azionisti delle due banche Venete che hanno perso tutto. Ma, si sa, il VENETO è terreno di rapina da tanti anni che ormai non ci ricordiamo più com’è cominciata. E Poletti, che pensava di rilanciare l’occupazione giovanile col Job Act? Promosso a pieni voti. E poi la Madia, la Lorenzin, Lotti ecc. ecc. Lo avete chiamato governo di responsabilità per il bene del paese. Fatto da irresponsabili? Con quale coraggio e quale dignità vi fate vedere in giro dopo che venti milioni di italiani vi hanno fatto capire che il vostro posto è a casa? E veniamo anche alle nostre faccende domestiche. Una senatrice di cui non vogliamo ricordare il nome, di un partito detto “Fare con Tosi” (il partito di Conte/Boratto e soci) nelle dichiarazioni di voto al senato ha detto più o meno questo: dispiaciuta per l’esito del referendum, che noi del NO abbiamo perso l’occasione della vita, che bisogna ringraziare Renzi per il lavoro fatto, che il governo ha ben operato e via con una serie di sviolinamenti tali da far impallidire anche i cortigiani della corte del Re Sole. Ma non eri della Lega fino a dieci minuti prima? Ma non provi nemmeno un minimo di vergogna a leccare il c..o di quelli che fino a ieri erano i tuoi avversari e con i quali non condividevi neanche un singolo misero pensiero? E i vari Conte, Boratto & C. la pensano allo stesso modo? Probabilmente si, dato che non hanno perso l’arroganza tipica di chi se ne frega degli altri e bada solo ai propri interessi. Arroganza che li porta a negare alle minoranze la possibilità di scrivere nel giornalino comunale. Pronto, ci siete? Lo pagano i cittadini quel giornalino. Forse avrebbero piace-re di sentire la voce di chi li rappresenta piuttosto che quella di chi resta aggrappato alle sedie con le unghie e coi denti.

Pazienza, come insegna il referendum, prima o dopo la gente vi presenterà il conto. Si chiama democrazia questa cosa che tanto vi infastidisce. Perché, come tutti sanno, la sovranità appartiene al popolo…

Un cordiale saluto

Condividi sui social:

Massimo Bitonci ancora per Padova – 30 novembre 2016

Mercoledì 30 novembre alle ore 19.00
in Piazza delle Erbe a Padova

MASSIMO BITONCI
ANCORA PER PADOVA

Saranno presenti il Segretario Federale Matteo Salvini,
il governatore Luca Zaia,
il Segretario Nazionale Gianantonio Da Rè,
il vice Segretario Federale Lorenzo Fontana,
il Segretario Provinciale Andrea Ostellari,
gli assessori regionali Roberto Marcato e Giuseppe Pan,
i consiglieri Regionali Fabrizio Boron e Luciano Sandonà,
il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin, e tanti amministratori.

TI ASPETTIAMO!!!!

Condividi sui social:

Le ragioni del NO

GRAZIE ai RELATORI e ai PARTECIPANTI alla serata di informazione.
Alla prossima!

REFERENDUM COSTITUZIONALE
NO ALLA RIFORMA TRUFFA!
LE RAGIONI DEL NO

Incontro pubblico con:
Andrea Ostellari, Segretario Provinciale Lega Nord
Giuseppe Pan, Assessore Regionale Agricoltura, Caccia e Pesca
Fabrizio Boron, Consigliere Regionale Lista Zaia Presidente
Luciano Sandonà, Consigliere Regionale Lista Zaia Presidente

Introduce la serata:
Giuseppe Fasolo, Segretario Sezione Lega Nord San Martino di Lupari

GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE 2016 – Ore 20.45
SAN MARTINO DI LUPARI (PD)
BIBLIOTECA COMUNALE,
Via Leonardo Da Vinci 43/A

Donne e uomini liberi votano NO

Condividi sui social: