Quatro Ciacoe – Crisi di astinenza da careghe

Cari concittadini, come ampiamente previsto, il RE delle giravolte e dei girotondi, il consigliere regionale Maurizio Conte, dopo lungo girovagare, ha finalmente trovato un approdo nel mare burrascoso della politica nostrana in cerca di una CAREGA (quasi) sicura. Forza Italia l’ha accolto nel suo grembo, come del resto ha fatto con tutti gli altri SALTIMBANCHI della politica che in questa legislatura hanno cambiato o fondato decine di partiti di cui nessuno ricorda il nome. A questo punto noi poveri mortali ci dobbiamo porre qualche domanda.

Prima domanda: vale la pena di rinunciare alla propria rettitudine morale e alla propria coerenza in nome della promessa di una qualsiasiCAREGA?

Seconda domanda: non si prova nessun imbarazzo, dopo aver abbandonato SALVINI ad abbandonare anche Tosi che, di fatto, ti ha portato in consiglio regionale? Un minimo di riconoscenza non ci starebbe?

Terza domanda: ci si può fidare di uno che tradisce così disinvoltamente i propri amici, quelli che fino a pochi giorni prima lo sostenevano, lo stimavano e ci andavano a cena?

Quarta domanda: che fine faranno i poveri orfani dei consiglieri comunali che sono in totale crisi d’identità e non sanno più a che partito appartengono? Tutti di Forza Italia?

Quinta domanda: come mai il fedelissimo Gerry Boratto, anima gemella, non ha seguito il capo ed è rimasto con Tosi? Forse perché se avesse fatto anche lui il salto della quaglia avrebbe dovuto rinunciare allo stipendio da molti zeri che prende in regione come segretario del gruppo Tosi? Fedele al detto “intanto porto casa, dopo se ghe ne parlarà………”

Sesta domanda, la più importante. Ma davvero esiste ancora in giro qualcuno disposto a votarlo?

Tante domande in attesa di risposte che probabilmente non avremo, ma di una cosa siamo sicuri: come abbiamo detto spesso, per noi la dignità non è in vendita e non ha prezzo. Se tutti la pensassero come noi e si comportassero di conseguenza, la nostra povera e bistrattata gente avrebbe una minima speranza di intravedere la luce in fondo al tunnel. E, come si dice, la speranza è l’ultima a morire.

A risentirci per una informazione, come sempre puntuale e sagace.

Condividi sui social:

Il grande bluff

VENGHINO SIGNORI E SIGNORE! VENGHINO

Avevamo detto che al peggio non c’è mai fine, e abbiamo nuove conferme, cari concittadini. Sono passati tre anni dalle elezioni comunali che hanno visto la riconferma del sindaco Boratto, eletto con con i voti della Lega Nord, e approdato al movimento “Fare (….schei)” di Flavio Tosi tradendo il voto dei cittadini di S. Martino. Ci sembra opportuno fare un bilancio in merito alle promesse scritte nel programma elettorale:

LE SEI GRANDI OPERE ANNUNCIATE E DATE DISPERSE:
POLO SANITARIO
CASA DI RIPOSO
POLO SPORTIVO ***
POLO SCOLASTICO
POLO CULTURALE
***

COSTO DEL PROGETTO EURO 127.586,07,
LIQUIDATI
EURO 114.730,46,
SOLDINI DEI SAMMARTINARI
BUTTATI AL VENTO
PER I CAPRICCI BIZZARRI DI BORATTO.

I GRANDI TEMI DISATTESI:

ATTIVITÀ PRODUTTIVE:
valorizzazione dei centri storici e frazionali: non pervenuta.
IL SOTTOPASSO FERROVIARIO DI VIA CASONA
e il parcheggio scambiatore a nord della Stazione Ferroviaria: non pervenuto
CENTRO: sistemazione di via C. Agostini: non pervenuta.
CAMPAGNALTA: realizzazione del sottopasso della nuova rotatoria promesso più volte: disperso, come la pista ciclabile da Campagnalta a S.Martino e la valorizzazione del sito delle Motte.
LOVARI: riqualificazione centro storico e concessione spazi comunali per apertura Bar. nessuna notizia.
MONASTIERO: nuova strada di collegamento tra via Leonardo e il nuovo sottopasso di via Dolomiti per eliminare il traffico pesante da Monastiero e Capretto: solo parole e progetti sulla carta, per far tacere gli abitanti delle due frazioni;

Ancora una volta il sindaco Boratto e la sua amministrazione continuano a prendere in giro i Sammartinari.
Sembrano quasi i Renzi della politica nostrana: balle a tutto spiano e nulla più. A parte un grande fiuto per le CAREGHE più appetitose e una sindrome da VOLTAGABBANITE sempre più evidente. Noi ci siamo e vigiliamo per darVi un’informazione, come sempre puntuale e sagace.

COSÌ BORATTO
FA QUADRARE IL BILANCIO
MULTE, TASSE,
ADDIZIONALE IRPEF

QUANTE PROMESSE NON MANTENUTE, QUANTE BUGIE RACCONTATE AI SAMMARTINARI SENZA ALCUNA VERGOGNA! CON IL MESCHINO ALIBI DELLA “CRISI” USATO PER GIUSTIFICARE LE MANCANZE DI SOLDI E DI PROGETTI. SINDACO, TI INFORMIAMO CHE LA CRISI C’ERA ANCHE NEL 2014 QUANDO HAI SCRITTO IL PROGRAMMA ELETTORALE! NON TE N’ERI ACCORTO? DIMENTICAVAMO: NON SEI FAMOSO PER IL RISPETTO DELLA PAROLA DATA. VEDI ABBANDONO DELLA LEGA NORD E DEI SUOI ELETTORI. SAPPIAMO PERÒ CHE PRIMA O POI TUTTI I NODI VENGONO AL PETTINE. A BUON RENDERE.

SINDACO LA BICICLETTA TE L’ABBIAMO DATA ADESS0 VAI A CASA!

Condividi sui social: