Il grande bluff

VENGHINO SIGNORI E SIGNORE! VENGHINO

Avevamo detto che al peggio non c’è mai fine, e abbiamo nuove conferme, cari concittadini. Sono passati tre anni dalle elezioni comunali che hanno visto la riconferma del sindaco Boratto, eletto con con i voti della Lega Nord, e approdato al movimento “Fare (….schei)” di Flavio Tosi tradendo il voto dei cittadini di S. Martino. Ci sembra opportuno fare un bilancio in merito alle promesse scritte nel programma elettorale:

LE SEI GRANDI OPERE ANNUNCIATE E DATE DISPERSE:
POLO SANITARIO
CASA DI RIPOSO
POLO SPORTIVO ***
POLO SCOLASTICO
POLO CULTURALE
***

COSTO DEL PROGETTO EURO 127.586,07,
LIQUIDATI
EURO 114.730,46,
SOLDINI DEI SAMMARTINARI
BUTTATI AL VENTO
PER I CAPRICCI BIZZARRI DI BORATTO.

I GRANDI TEMI DISATTESI:

ATTIVITÀ PRODUTTIVE:
valorizzazione dei centri storici e frazionali: non pervenuta.
IL SOTTOPASSO FERROVIARIO DI VIA CASONA
e il parcheggio scambiatore a nord della Stazione Ferroviaria: non pervenuto
CENTRO: sistemazione di via C. Agostini: non pervenuta.
CAMPAGNALTA: realizzazione del sottopasso della nuova rotatoria promesso più volte: disperso, come la pista ciclabile da Campagnalta a S.Martino e la valorizzazione del sito delle Motte.
LOVARI: riqualificazione centro storico e concessione spazi comunali per apertura Bar. nessuna notizia.
MONASTIERO: nuova strada di collegamento tra via Leonardo e il nuovo sottopasso di via Dolomiti per eliminare il traffico pesante da Monastiero e Capretto: solo parole e progetti sulla carta, per far tacere gli abitanti delle due frazioni;

Ancora una volta il sindaco Boratto e la sua amministrazione continuano a prendere in giro i Sammartinari.
Sembrano quasi i Renzi della politica nostrana: balle a tutto spiano e nulla più. A parte un grande fiuto per le CAREGHE più appetitose e una sindrome da VOLTAGABBANITE sempre più evidente. Noi ci siamo e vigiliamo per darVi un’informazione, come sempre puntuale e sagace.

COSÌ BORATTO
FA QUADRARE IL BILANCIO
MULTE, TASSE,
ADDIZIONALE IRPEF

QUANTE PROMESSE NON MANTENUTE, QUANTE BUGIE RACCONTATE AI SAMMARTINARI SENZA ALCUNA VERGOGNA! CON IL MESCHINO ALIBI DELLA “CRISI” USATO PER GIUSTIFICARE LE MANCANZE DI SOLDI E DI PROGETTI. SINDACO, TI INFORMIAMO CHE LA CRISI C’ERA ANCHE NEL 2014 QUANDO HAI SCRITTO IL PROGRAMMA ELETTORALE! NON TE N’ERI ACCORTO? DIMENTICAVAMO: NON SEI FAMOSO PER IL RISPETTO DELLA PAROLA DATA. VEDI ABBANDONO DELLA LEGA NORD E DEI SUOI ELETTORI. SAPPIAMO PERÒ CHE PRIMA O POI TUTTI I NODI VENGONO AL PETTINE. A BUON RENDERE.

SINDACO LA BICICLETTA TE L’ABBIAMO DATA ADESS0 VAI A CASA!

Condividi sui social:

Quatro ciacoe – Giullari Saltimbanchi e trapezisti

 

  

ALLA CORTE DEL SINDACO
GIULLARI, SALTIMBANCHI E TRAPEZISTI
ATTENTI A NON SMENTIRE IL FAMOSO MOTTO “AL PEGGIO NON C’È MAI FINE” I NOSTRI SOLERTI AMMINISTRATORI HANNO DATO FONDO A TUTTO IL LORO PEGGIOR REPERTORIO.

CHE HANNO COMBINATO STAVOLTA?

Procediamo con ordine: con un triplo salto mortale degno del miglior trapezista il nostro primo cittadino ha stretto un patto di ferro con le sinistre per arrivare alla carega di consigliere provinciale: i nuovi amici del PD, i Renziani padovani, lo hanno accomodato in consiglio provinciale. I voti dell’intera compagine di maggioranza ( i voltagabbana) sono andati a finire alla lista del Partito Democratico e al suo candidato, eletto presidente della provincia. In cambio il nostro sindaco ha incassato la ricompensa pattuita. Possiamo capire la giravolta dell’adesione al partito di Tosi (dovrebbe chiamarsi il partito del fa-re……giravolte) ma da qui a passare armi e bagagli con la presunta sinistra italiana ne corre di strada! Siete diventati la stampella di quelli che hanno ridotto i Veneti ai minimi termini, che rubano i soldi alla gente per salvare le banche, quelli del Jobs Act, dei voucher quelli delle trivelle in adriatico, del referendum truffa ecc. ecc.. Sappiamo che avete cancellato la parola coerenza dal vostro vocabolario ma cancellare anche la dignità! Cosa non si fa per la desiderata carega da aggiungere alle altre. (come in una collezione delle figurine Panini: manca, manca, ce l’ho, questa manca…).Sistemato il sindaco, è rimasto un problema: come soddisfare le brame di potere del grande capo, quel Conte che contava e non conta più?. Corre voce che mentre Tosi si avvicina sempre più a Renzi , i saltimbanchi Sanmartinari stiano segretamente trattando con Forza Italia per trovare il loro spazio nella futura politica paesana, regionale e, perché no, nazionale. Un vero esempio di coerenza, onestà intellettuale e dedizione politica.

Da Salvini a Tosi a Berlusconi o A(l)fano passando per Renzi: sembrate i clienti di un’agenzia viaggi in cerca delle offerte last minute. Obiettivo finale: carega, carega, nient’altro che carega.

Quanto ai giullari, riuscitissima la battuta dell’assessore Bolzon che, senza alcun pudore, ha dichiarato sul giornalino comunale di aver devoluto all’Associazione AMAMI i proventi del Motor Show. Peccato che ad oggi la suddetta associazione non abbia visto nemmeno un euro. Lasciamo a Voi le considerazioni del caso su tale fatto che coinvolge, suo malgrado, un’associazione di volontari che da anni lavora e si batte con profitto e risultati per aiutare le persone in difficoltà. Proprio loro dovevi strumentalizzare?

QUANTO AL RESTO. SIAMO IN ATTESA DI NUOVI EVENTI PERCHÈ, COME ABBIAMO DETTO IN APERTURA, AL PEGGIO NON C’È MAI FINE.

ALLA CORTE DEL SINDACO
SALTIMBANCHI, TRAPEZISTI E GIULLARI
STANNO PER COMINCIARE UN NUOVO SPETTACOLO.
VENGHINO SIGNORI E SIGNORE! VENGHINO!

 

Condividi sui social:

Le ragioni del NO

GRAZIE ai RELATORI e ai PARTECIPANTI alla serata di informazione.
Alla prossima!

REFERENDUM COSTITUZIONALE
NO ALLA RIFORMA TRUFFA!
LE RAGIONI DEL NO

Incontro pubblico con:
Andrea Ostellari, Segretario Provinciale Lega Nord
Giuseppe Pan, Assessore Regionale Agricoltura, Caccia e Pesca
Fabrizio Boron, Consigliere Regionale Lista Zaia Presidente
Luciano Sandonà, Consigliere Regionale Lista Zaia Presidente

Introduce la serata:
Giuseppe Fasolo, Segretario Sezione Lega Nord San Martino di Lupari

GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE 2016 – Ore 20.45
SAN MARTINO DI LUPARI (PD)
BIBLIOTECA COMUNALE,
Via Leonardo Da Vinci 43/A

Donne e uomini liberi votano NO

Condividi sui social: